Come avviare un’agenzia di amministrazione condomini

Oggi ci occuperemo di un tipo di impresa che si pone come una di quelle che è in grado, anche con il passare degli anni e le innovazioni tecnologiche, di posizionarsi sempre tra quelle più richieste praticamente in ogni dove, ovvero l’amministrazione dei condomini.

Un tipo di attività quindi sempre in voga e che può portare a dei guadagni davvero non trascurabili, specialmente se si è compiuta un’adeguata formazione e uno studio dei bisogni primari degli inquilini di qualsiasi tipo di unità abitativa.

Vediamo allora cosa è necessario sapere per poter essere in grado di aprire un’attività di amministrazione condominiale nel migliore dei modi.

Dove è possibile aprire un’amministrazione di condominio?

Partiamo quindi dal primo grande vantaggio offertoci da questo tipo di attività, ovvero il fatto che, come è facile immaginare, è possibile aprire un’impresa di amministrazione di condomini praticamente dovunque.

In qualsiasi luogo vi sia un condominio abitato da più di una famiglia, ci sarà per forza di cose la necessità di una figura che si prenda cura di tutti i disbrighi legati appunto alla sua amministrazione.

Bisognerà infatti trovare qualcuno che paghi le bollette e curi le utenze condivise, si assicuri che (ove presenti) i giardini o gli spazi all’aperto siano tenuti ben curati e, non per ultimo, che sia in grado di mediare in caso di controversie o problematiche sorte tra i condomini.

Perciò, non resterà che scegliere un’area di lavoro consona alle proprie competenze e al target di clientela che si è scelto per la propria attività e non vi sarà bisogno di particolari calcoli per quanto riguarda l’ubicazione della sede della vostra attività.

Di cosa si occupa un’amministratore di condominio

Come abbiamo già accennato nel paragrafo precedente, un amministratore di condominio è quella figura che si prende cura di tutto quello che ha a che fare con lo stabile dal punto di vista legale, amministrativo e delle pubbliche relazioni in generale.

Una figura essenziale specialmente nel caso delle unità abitative più grandi e popolate, oppure nel caso gli impegni dei vari condomini impediscano a uno di loro (e ciò accade molto spesso) di assolvere autonomamente a queste importanti funzioni.

Quali sono i requisiti specifici?

Per quanto riguarda i requisiti specifici per poter avviare la propria attività di amministrazione condominiale, qui ci sono altre buone notizie: per poter svolgere questa professione non servono infatti dei requisiti specifici salvo l’aver compiuto 18 anni.

Servirà ovviamente seguire e superare gli appositi corsi di formazione (molti dei quali sono anche gratuiti, specie se offerti dalle varie amministrazioni locali) e aver acquisito così un minimo di dimestichezza con tutti quelli che sono gli strumenti di lavoro di un amministratore.

Sarà necessario quindi aprire una regolare posizione fiscale, specialmente nel caso in cui gli introiti derivati dalla nostra attività superino le soglie previste dalla legge.

Quali sono i costi e i potenziali ricavi

Per quanto riguarda i costi, bisognerà partire da una semplice constatazione: maggiori saranno le nostre ambizioni e il nostro giro di clienti, maggiore sarà lo spazio e il numero delle attrezzature di cui avremo bisogno, causando quindi un costo più o meno importante.

In altre parole, amministrare solo un condominio non richiede necessariamente di avere uno studio e un archivio immenso, ma se si cominciano a gestire più unità immobiliari potrebbe essere necessario ampliare lo spazio dedicato alla nostra attività, prendendo quindi magari in affitto uno studio o uno spazio in una struttura di lavoro condiviso.

Sarà poi necessario dotarsi di una opportuna strumentazione tecnologica (pc, fax, stampante e così via), del mobilio più adeguato per conservare documenti importanti e, in ultimo, aprire una casella di posta elettronica certificata (la cosiddetta PEC), in modo da poter iniziare sin da subito a inviare comunicazioni certificate (e quindi ufficiali).

Lo stesso discorso vale per i guadagni, che saranno ovviamente proporzionati all’ammontare di lavoro che svolgeremo.

L’iter burocratico

Non esiste un particolare iter burocratico per iniziare la propria attività di amministratore di condominio, salvo quelli generalmente delineati nella legge n. 220/2012 (godere dei diritti civili e così via).

Esistono, tuttavia, delle associazioni professionali a cui poter aderire e che, in alcuni casi, organizzano anche degli utili corsi di aggiornamento aperti a tutti i professionisti iscritti.

Come già detto, sarà comunque necessario aprire una partita IVA, in modo da poter regolarizzare la propria posizione anche dal punto di vista fiscale.

Guide e Supporto su Come aprire un'Agenzia di Amministrazione Condomini

Ti proponiamo una guida per avere tutte le informazioni utili su come aprire un circolo privato in modo da non commettere errori  ed avere già in partenza tutte le informazioni importanti per valutazione corretta.

Con il KIT CREAIMPRESA AMMINISTRAZIONE CONDOMINI avrai una guida completa su:

• individuare i finanziamenti, i contributi a fondo perduto e le agevolazioni pubbliche che puoi richiedere
• conoscere le leggi e le norme che regolano l'attività di Amministrazione Condomini
• conoscere le licenze, le autorizzazioni e i requisiti necessari per diventare Amministrazione Condomini
• prevedere i guadagni dell'attività di Amministrazione Condomini
• prevedere l'investimento d'apertura e i costi dell'attività di Amministrazione Condomini
• conoscere le attrezzature e gli utensili che servono ad uno Amministrazione Condomini
• progettare al meglio la propria una attività di Amministrazione Condomini

 amministrazione condomini

Clicca qui per scoprire l'offerta e le modalità d'invio del Kit completo

 

 

Consulta la lista con tutte le attività 

Guarda le idee franchising per mettersi in proprio

Recensioni

Franchising
Rated 4.85 based on 5 customer reviews
Info utili
scritto da , il11-12-2015
5 5
Aprire in franchising non è semplice. Grazie per le informazioni e per avermi permesso di consultare le aziende più importanti del settore.
Ottimo articolo e proposte
scritto da , il10-05-2015
5 5
Articolo ben fatto, con diversi marchi nel settore. Utili informazioni e contatto diretto con le aziende.
tante opportunità
scritto da , il23-07-2016
4 5
Panoramica utile sui vari settori: informazioni esaustive e possibilità di contattare le aziende direttamente.
Proposte franchising serie
scritto da , il14-10-2016
5 5
Molti franchising proposti e, sopratutto, sono stato ricontattato da tutti in modo da chiarirmi le idee.
Sito ben fatto
scritto da , il21-09-2016
5 5
Giudizio positivo!