La fase di analisi iniziale

La valutazione di un’opportunità in franchising segue due direzioni: quelle dell’analisi oggettiva e soggettiva. Nell’analisi oggettiva si prendono in considerazione elementi come l’andamento generale del settore di attività, la qualità dei franchisor presenti sul mercato, l’adattabilità del business a una specifica realtà locale, le proprie capacità di investimento. In quella soggettiva, è necessario analizzare fattori quali la propria attitudine imprenditoriale, l’affinità con una determinata area di business, l’opportunità di sfruttare al meglio le proprie caratteristiche personali e le proprie competenze.


Il franchising funziona solo se ci si rende conto di cosa comporta concretamente.
È quindi indispensabile informarsi su diritti e doveri del franchising, sul funzionamento del rapporto nella gestione quotidiana dell'attività e su eventuali punti che possono creare attriti e incomprensioni fra le due parti. È vero che il franchising comporta per il potenziale affiliato un'ottima rimunerazione del capitale, accesso facilitato al credito, efficienza di gestione, protezione competitiva, rischi minori, una gestione dell'attività decisamente semplificata e maggiore tranquillità psicologica, ma è altrettanto vero che a fronte di ciò sono presenti oneri da adempiere, e non solo di ordine economico.

I motivi che spingono una persona ad interessarsi al franchising sono tanti e uno diverso dall'altro: chi vuole mettersi in proprio e cerca un'iniziativa valida, chi ha un'attività commerciale che non lo soddisfa e cerca un'alternativa valida, chi vuole investire il proprio capitale in un'attività redditizia e infine chi ha già le idee chiare su quale catena contattare e vuole solo concludere l'affare nel miglior modo possibile.
Come già sottolineato, il franchising abbraccia molti settori di attività. Oltre ai fast-food ed ai negozi di abbigliamento diffusi su tutto il territorio, il franchising si estende anche ad attività come le agenzie di viaggi, gli alberghi, i centri di bellezza, i negozi di mobili, i supermercati, i servizi in senso più generale, oltre a molti altri settori.
Le motivazioni di un candidato desideroso di inserirsi in una catena franchising possono essere numerose e varie. Tuttavia, due sono le condizioni che possono essere ritenute essenziali:
• la ricerca della sicurezza;
• la ricerca di un investimento profittevole.

A fronte di queste motivazioni, esistono però altre considerazioni di ordine finanziario che riguardano il pagamento del diritto di entrata, il pagamento della royalty, gli investimenti nel punto vendita che si desidera avviare. Questi pagamenti saranno effettuati nell’ottica di un investimento per il futuro e quindi il futuro franchisee dovrà eseguire un’indagine preliminare per verificare il valore del franchisor prescelto. Per poter scegliere una catena distributiva evitando eventuali future spiacevoli sorprese,è necessario attenersi ad alcuni parametri di osservazione del franchisor che, se rispettati, possono garantire una buona base di successo per l’affiliazione.

Recensioni

Franchising
Rated 4.85 based on 5 customer reviews
Info utili
scritto da , il11-12-2015
5 5
Aprire in franchising non è semplice. Grazie per le informazioni e per avermi permesso di consultare le aziende più importanti del settore.
Ottimo articolo e proposte
scritto da , il10-05-2015
5 5
Articolo ben fatto, con diversi marchi nel settore. Utili informazioni e contatto diretto con le aziende.
tante opportunità
scritto da , il23-07-2016
4 5
Panoramica utile sui vari settori: informazioni esaustive e possibilità di contattare le aziende direttamente.
Proposte franchising serie
scritto da , il14-10-2016
5 5
Molti franchising proposti e, sopratutto, sono stato ricontattato da tutti in modo da chiarirmi le idee.
Sito ben fatto
scritto da , il21-09-2016
5 5
Giudizio positivo!