Pubblicizzati su LavoroeFranchising.com  SCEGLI IL MARCHIO CHE FA PER TE, APRI IL TUO FRANCHISING! 

 

Sei un Franchisor?

Top Franchising

  • franchising-ja-ja-joint-logo_38686ed85a3795cfc5b59869e81a1322
  • games-time-cafe-logo_bcb4828869180c0a3a8edaa4b2043884
  • isola-celiaca-logo_3b5918557235dd55e269dfb09c61fb47
  • logo-fruscio-franchising_7416e33c027f3cd2f662f8cd7487420b
  • logo250centroaste_89b8d9a36e4fa1c707aa5ab4d31d735a
  • logo_34d035a978761ed125d35f8b3ec95bb2

Franchising in Evidenza

  • 10decimi_52acc697078fc2ebbd0986c31dd45080
  • fotodigital-logo_442a25b293e023869652b7637424c400
  • logo-asciuttissimi250_83a5554f2347ab6127b4ee6981c29f68
  • logo250_5e25e90666df596c00816780797d9bad
  • wash-dog-logo_e185f4f07a1b00b4ef4a801bd400b092

Il Progettista di applicazioni multimediali è un tecnico che, in base alle richieste del cliente, progetta e crea programmi multimediali per le aziende che intendono "affacciarsi" in rete o utilizzare l’e-commerce (il commercio elettronico).
Le attività e i compiti di questo tecnico sono molteplici e di vario tipo. Innanzitutto, il Progettista di applicazioni multimediali deve ascoltare, comprendere e interpretare quelle che sono le esigenze e le richieste del cliente. Con questi dati potrà così analizzare e studiare la situazione di partenza e identificare quali caratteristiche dovrà avere la soluzione da proporre, valutandone anche il rapporto costi/benefici. Solo a questo punto, egli procederà con la fase numero due e cioè si attiverà per progettare le applicazioni multimediali, producendo i vari media, ossia le varie forme di comunicazione, i mezzi da utilizzare (grafico, sonoro, film) e creando prototipi e simulazioni del prodotto finale. Questa seconda fase operativa prosegue quindi con l’elaborazione dell’interfaccia utente e con la vera e propria installazione della soluzione proposta e accettata dal cliente, supportata da vari test. A questo punto, il Progettista si servirà della collaborazione del Gestore di reti locali affinché venga garantita l’attuazione delle varie norme di sicurezza necessarie.


COMPETENZE

L’attività del Progettista di applicazioni multimediali richiede abilità e competenze di vario genere.
Dal punto di vista tecnico-informatico, questo professionista deve:

  • conoscere i principali elementi dell’architettura software e hardware del PC e gli elementi di base dei sistemi operativi;
  • possedere autonomia nell’utilizzo degli strumenti relativi alla multimedialità e capacità di elaborare audio, video, immagini e animazioni, creando al contempo funzioni di interattività;
  • avere nozioni di Database Design e di Application Security;
  • essere in grado di utilizzare le tecnologie di ‘streaming’Consentono di vedere audiovisivi, via Internet, senza doverli prima salvare sul proprio hard disk ma attraverso un flusso diretto. e le funzionalità di base di ‘authoringCreazione di file di ipertesto o multimediali; in questo caso ci si riferisce alla creazione dei meccanismi di fruizione di un DVD., per realizzare DVD.

Egli deve inoltre avere competenze di marketing e strategia di impresa, nozioni giuridico-normative, capacità di costruire testi ed elaborare ambienti virtuali in maniera creativa. È importante anche che il Progettista di applicazioni multimediali conosca la lingua inglese commerciale, che abbia nozioni di tecnica della scrittura, di semiologia e comunicazione pubblicitaria.
Il sapersi adattare a lavorare in gruppo è un altro requisito fondamentale, assieme a una buona dose di sensibilità estetica.


FORMAZIONE

Per accedere al ruolo di Progettista di applicazioni multimediali può essere utile una laurea in materie scientifiche, ma anche giuridiche o umanistiche; tuttavia una significativa esperienza come Progettista di software applicativo costituisce ugualmente un’ottima base di partenza. Attualmente sono sorti, proprio grazie alla forte richiesta sul mercato, alcuni corsi sia statali che privati destinati alla formazione di questa figura professionale. Nell’ambito dell’offerta di formazione privata o comunque non legata alle istituzioni universitarie, si va dai corsi del Fondo Sociale Europeo rivolti a disoccupati diplomati o laureati, ai Master promossi da cooperative e società.
Microsoft Italia, nel suo repertorio dei profili professionali più ricercati nell’economia del futuro, ha aggiunto alcuni moduli formativi per Progettisti di applicazioni multimediali.


CARRIERA

Il ruolo di Progettista di software applicativo può costituire un punto di partenza per accedere alla professione di Progettista di applicazioni multimediali, che a sua volta può evolvere in quella di Project manager, ovvero colui che si occupa di coordinare e dirigere l’attività di marketing e comunicazione di una o più aziende.


SITUAZIONE DI LAVORO

Il Progettista di applicazioni multimediali, generalmente un consulente o un libero professionista, opera all’interno di un team, collaborando con il Tecnico di reti locali, con un Esperto di marketing e un Web designer.
Egli può lavorare per un’azienda che offra sul mercato questo tipo di consulenza e di servizio, oppure può inserirsi come collaboratore nell’area marketing all’interno di piccole e medie imprese.
Per il tipo di lavoro che svolge, il Progettista ha la possibilità di realizzare la sua attività anche da casa, tramite un collegamento remoto.


TENDENZE OCCUPAZIONALI

La comunicazione, con le sue strategie e la diffusione sui nuovi media, necessita di tecnici in grado di fornire soluzioni innovative e al passo con le nuove tecnologie. Di conseguenza il Progettista di applicazioni multimediali, una tra le figure più consolidate nell’ambito della ‘New Economy’, è tra coloro per i quali concordemente si ipotizza un aumento della richiesta nei prossimi anni.


FIGURE PROFESSIONALI PROSSIME

Numerose sono le figure con cui il Progettista di applicazioni multimediali si trova a collaborare e che quindi possiamo considerare vicine a questo professionista. Fra queste vi sono innanzitutto il Webmaster, il Web designer e il Redattore del settore, ma anche l’Account, l’Esperto di marketing e il Gestore di reti locali.

Fonte: Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori
http://www.isfol.it/orientaonline/home.asp

Franchising Low Cost

Franchising di Successo