Aprire un Bubble Tea: guida e consigli

Bubble Tea Franchising: Guida e Consigli

Il bubble Tea è una bevanda originale e molto particolare che già da qualche tempo ha conquistato la curiosità e il palato degli italiani.

Grazie anche a tanti influencer e personaggi famosi che spesso sono stati immortalati sui vari social mentre sorseggiavano questa bibita, il bubble Tea è diventato un vero e proprio trend.

Infatti, nelle varie città italiane sono spuntati tantissimi bar dedicati a questo drink che non solo è particolarmente gustoso, ma anche decisamente sfizioso perché, dopo aver bevuto, si masticano delle deliziose palline dalla insolita consistenza.

Se si vuole avviare un’attività che ha ottime prospettive di successo e si desidera entrare in un segmento di mercato nuovo e ad alto potenziale, allora sarà utile sapere come aprire un bubble Tea.

Che cos’è il bubble Tea e perché piace così tanto

Il bubble Tea è una bevanda che ha origine asiatica. Infatti, nasce negli anni’80 a Taiwan,  ma ben presto, grazie al suo sapore e alla consistenza originale, questo drink mangia&bevi, si diffonde in America conquistando tutti, dai bambini agli adulti.

Il bubble Tea è reso particolare perché alla parte liquida, ottenuta miscelando latte, sia animale che vegetale, tè o succhi di frutta, viene aggiunto un elemento da masticare costituito solitamente da delle palline di tapioca. Non mancano però, varianti ancora più insolite e golose dove le “bubble” sono sostituite da caramelle o gelatine, oppure da frutta, verdura o  semi croccanti per ottenere una versione healthy.

L’originalità di questa bevanda, ottenuta anche grazie alla creazione di mix insoliti e sempre diversi, il suo colore e la sua fotogenicità hanno contribuito a far apprezzare il bubble Tea oltreoceano, tanto da farlo diventare un prodotto di tendenza anche in Italia.

Aprire un bubble Tea: guida e consigli

Se si è in cerca di una nuova opportunità o si vuole entrare in un settore remunerativo, come quello dei drink, aprire un bubble Tea potrebbe essere un’ottima idea. Tuttavia, è bene sapere che, anche se si tratta di un business nuovo  e di tendenza, per essere competitivi e per far si che la propria attività sia sostenibile nel lungo periodo, è importante iniziare fin da subito a differenziare la propria offerta.

Se è vero che il core business è rappresentato dal bubble Tea, che può essere realizzato in tantissime versioni, da quelle indirizzate a un pubblico giovane a quelle salutari per gli adulti, così da conquistare diversi target, è consigliato comunque arricchire la propria proposta con altri prodotti da bar, come yogurt da bere, gelati, frullati ed estratti, snack salutari e altro, secondo la propria idea imprenditoriale.

La soluzione migliore se si vuole aprire un locale dove servire bubble Tea è quella di affidarsi alle reti di franchising. Infatti, si tratta di un settore nuovo e, quindi, poter  contare su una formula di business collaudata e su un solido know how, vuol dire partire già con una marcia in più, anche se non si ha esperienza nell’ambito della ristorazione.

Inoltre, affidarsi a un franchising per dar vita alla propria attività vuol dire poter far leva su un marchio già conosciuto nel settore bubble Tea, acquisire nuovi clienti grazie a delle campagne di promozione mirate e testate oltre ad avere supporto continuo in tutte le fasi, anche prima dell’apertura, ad esempio per la ricerca del locale, la progettazione degli interni e l’acquisto degli arredi.

Poiché si tratta di un prodotto di tendenza, ma non ancora così diffuso, per aprire un negozio di bubble drink in franchising è importante scegliere una zona strategica della città, vicina a dei punti di ritrovo o dove c’è un frequente passaggio pedonale, mentre le dimensioni del locale commerciale potranno essere anche contenute. 

Per aprire un bubble drink in franchising ci sono alcuni requisiti legali e un semplice iter burocratico da rispettare, mentre per quanto riguarda il budget si parte da circa 10.000 euro per attività più piccole, fino ad arrivare a un investimento di circa 20.000 euro per i format più complessi o per aprire un franchising di bubble Tea di grandi dimensioni.

banner idee franchising