Aprire un negozio di fiori: guida, consigli e costi

come aprire un negozio di fiori

Aprire un negozio di fiori oggi può rappresentare ancora un’ottima opportunità imprenditoriale per avviare un business di grande successo. All’interno di un mercato concorrenziale è naturalmente determinante avere un negozio di fiori che si sappia distinguere.

Oppure una soluzione sempre più adottata è quella di affiliarsi a un marchio conosciuto e che ha già una storia alle spalle per aprire un negozio di fiori in franchising.

Infatti, il franchising offre l’opportunità di rendere meno esosi i costi di gestione e quelli di avvio dell’attività. Inoltre, permette di ottenere una formazione completa che prevede consigli utili sia per la gestione del business sia per riuscire a ottenere in poco tempo i giusti profitti.

Aprire un negozio di fiori: guida, consigli e costi

Aprire un negozio di fiori permette di entrare in un settore che anche se ha un’ampia concorrenza, in realtà non conosce crisi. I fiori e le piante si possono acquistare principalmente all’interno di negozi appositi e sono spesso regalati ad amici, amori, ma anche a colleghi e parenti. Insomma, i fiori e le piante non vanno mai fuori di moda.

Ma come aprire un negozio di fiori che possa posizionarsi al meglio sul mercato? Scopriamolo insieme!

Come aprire un negozio di fiori: consigli

Per aprire un negozio di fiori che abbia delle ottime opportunità di successo bisogna prendere delle buone decisioni a livello strategico. La prima decisione è sicuramente quella che riguarda il brand al quale affiliarsi o da avviare per riuscire a rendersi subito riconoscibili agli occhi della futura clientela.

Scelto il brand si deve lavorare dal punto di vista geografico ossia scegliere il posto giusto per aprire un negozio di fiori. Tra i posti migliori ci sono quelli: lontani dalla concorrenza, vicini a punti a forte passaggio pedonale, vicinanza ad altre attività come negozi e pasticcerie, analisi del bacino di utenza vicino al negozio.

Il locale non solo deve avere il giusto posizionamento ma presentare anche una metratura abbastanza accogliente e ampia per riuscire a mettere in mostra piante e fiori. La soluzione migliore è avere un locale che sia grande almeno 50 MQ circa.

L’allestimento del negozio è un altro passo importante per riuscire a dare una personalità specifica all’attività. Naturalmente, se apri un negozio di fiori in franchising puoi avere un supporto nella realizzazione del design del locale e anche del posizionamento di piante e fiori all’interno del locale.

Quando si apre un negozio di fiori bisogna anche essere in grado di scegliere i giusti fornitori per i propri fiori e al contempo devi scegliere i prezzi al pubblico calcolando al meglio la percentuale di ricarico per ottenere una redditività che ti permetta di pagare le spese e di ottenere al contempo il giusto guadagno economico.

Iter burocratico per aprire un negozio di fiori

Che si scelga o meno di aprire il negozio di piante e fiori in franchising o meno, bisogna in ogni caso seguire un attento iter burocratico. Questo prevede:

  • Apertura della Partita IVA
  • Iscrizione al Registro delle Imprese
  • Dichiarazione di Inizio Attività o SCIA al Comune di riferimento
  • Apertura Posizioni INPS e INAIL
  • Autorizzazione da parte dell’ASL
  • Richiesta dei permessi per smaltimento di acqua, piante e fiori secchi
  • Eventuale assunzione in regola dei propri collaboratori

Quanto costa aprire un negozio di fiori?

Aprire un negozio di fiori richiede un investimento minimo per chi sceglie di avviare l’attività in proprio che va dai 30 ai 50 mila euro circa. Considerando sia i costi per gli adempimenti burocratici sia quelli per l’affitto dei locali, e anche quelli per l’arredamento e gli investimenti nel campo della pubblicità e del marketing.

I costi per aprire un negozio di fiori in franchising, invece, prevedono un budget che deve andare dai 10.000 fino ai 30.000 euro circa, in base al marchio a cui ci si affilia e anche a seconda del supporto offerto dal brand.

banner idee franchising