Come aprire un negozio di intimo e merceria

Intimo e merceria, un binomio attualmente in uso e che unisce la modernità, con un mestiere che affonda le sue radici nella tradizione e che sul nostro territorio è sempre stato molto diffuso.

intimo merceria

Mercato di riferimento

In un’attività del genere, non ci sono categorie specifiche: chiunque è un potenziale cliente. Indossare capi intimi innovativi e trendy, non è più soltanto un’esigenza femminile: anche gli uomini sono molto attenti alla biancheria intima, e lo dimostra il fatto che rappresentano 1/3 degli acquirenti presenti sul mercato.

Perche’ conviene aprire un negozio di intimo e merceria

Non è facile, però, aprire un negozio di intimo e merceria, perché bisogna avere a che fare immancabilmente con le grandi distribuzioni, ma i settori non sono del tutto sfavorevoli.

Parliamo prima separatamente dei due ambiti d’azione. Quello delle mercerie ha subito. Negli ultimi anni. Un radicale rinnovamento per venire incontro alle esigenze del pubblico ed aumentare il proprio target. Differenziare i prodotti e offrire servizi originali e di qualità, è il segreto del successo.

Il settore delle mercerie ha vissuto un completo rinnovamento per venire incontro alle esigenze del pubblico ed aumentare il proprio target di riferimento. Il segreto per riuscire ad imporsi sul mercato con questa tipologia di attività è, soprattutto, la differenziazione e l’offerta di prodotti e servizi.

I prodotti e i servizi che offre

I prodotti di merceria e di intimo sono vari. Nell’ambito della merceria, oltre a vendere prodotti comuni, l’ideale sarebbe trattare anche quelli pregiati e rari, per attirare la clientela più esigente; inoltre, offrire un servizio di sartoria è un’ottima idea, perché, come spesso, accade alcune donne vi si rivolgono, vuoi per scarsa capacità o per mancanza di tempo. Nell’ambito dell’intimo, troviamo reggisenisingoli, coordinati per signora, coordinati per ragazze/i, mutandine per bambini, coordinati per uomo, costumi mare, canotte, camicie da notte, pigiami, calze e collant.

Iter burocratico

Lriforma bersani del 2006, in materia di apertura di un’attività commerciale, ha eliminato la necessità di chiedere la licenza al comune: basta, quindi, una semplice comunicazione al sindaco.

La liberalizzazione riguarda le attività commerciali ubicate in comuni con più di 10.000 abitanti e non più grande di 250 metri quadrati, oppure di 150 metri quadrati, in paesi che non contano più di 10.000 abitanti. Non c’è più bisogno, quindi, di iscrivere l’attività commerciale al rec (registro esercenti di commercio): l’obbligo vige ancora solo per chi apre un ristorante, bar o albergo.

Per avviare l’attività del genere, quindi, è sufficiente:

-        Possedere una partita iva

-        Consegnare la scia in comune

-        L’iscrizione al registro delle imprese presso la cciaa di riferimento

-        Regolare la propria posizione inps e inail ed eventualmente quella dei propri dipendenti.

Costi e guadagni

Parlando nello specifico di costi, bisogna considerare un paio di cose: grandezza del locale e quantitativo di merce esposta. Se ragioniamo in piccolo (locale di circa 50-60 mq) e aggiungiamo il pagamento di affitto, utenze, acquisto della merce, scaffalatura per l’esposizione, altre spese di manutenzione e accessorie, parliamo di cifre che variano dai 20 ai 30 mila euro. Poi ci sono le soluzioni franchising e i costi dipendono dal marchio con cui ci si vuole affiliare.

Parlando di guadagni, invece, la stima diventa più difficile. Per cercare di darvi una linea guida, in italia ogni singolo cittadino (soprattutto le rappresentanti del gentil sesso) spende per l’intimo circa 400 euro all’anno. Quindi, le possibilità di guadagno ci sono. Molto dipende dalle vostre capacità imprenditoriali, dalla posizione strategica del negozio, da un’efficiente campagna pubblicitaria e soprattutto dalla qualità della merce che andrete a vendere.

 Guarda le migliori proposte per aprire un franchising di intimo

 

Guide e Supporto su come aprire un negozio di intimo

Ti proponiamo una guida per avere tutte le informazioni utili su come aprire un negozio di abbigliamento in modo da non commettere errori  ed avere già in partenza tutte le informazioni importanti per valutazione corretta.

Con il KIT CREAIMPRESA NEGOZIO DI INTIMO E MERCERIA avrai una guida completa su:

• individuare i finanziamenti, i contributi a fondo perduto e le agevolazioni pubbliche che puoi richiedere
• conoscere le leggi e le norme che regolano il negozio di intimo
• conoscere le licenze, le autorizzazioni e i requisiti necessari per l'apertura di un negozio di intimo
• prevedere i guadagni del negozio di intimo
• prevedere l'investimento d'apertura e i costi per gestire un negozio di intimo
• conoscere le attrezzature e gli arredi necessari per aprire un negozio di intimo
• progettare al meglio la gestione di un negozio di intimo

intimo creaimpresa

Clicca qui per scoprire l'offerta e le modalità d'invio del Kit completo

 

Recensioni

Franchising
Rated 4.85 based on 5 customer reviews
Info utili
scritto da , il11-12-2015
5 5
Aprire in franchising non è semplice. Grazie per le informazioni e per avermi permesso di consultare le aziende più importanti del settore.
Ottimo articolo e proposte
scritto da , il10-05-2015
5 5
Articolo ben fatto, con diversi marchi nel settore. Utili informazioni e contatto diretto con le aziende.
tante opportunità
scritto da , il23-07-2016
4 5
Panoramica utile sui vari settori: informazioni esaustive e possibilità di contattare le aziende direttamente.
Proposte franchising serie
scritto da , il14-10-2016
5 5
Molti franchising proposti e, sopratutto, sono stato ricontattato da tutti in modo da chiarirmi le idee.
Sito ben fatto
scritto da , il21-09-2016
5 5
Giudizio positivo!