Franchising Fotografia e Stampa Digitale

Ami la fotografia? Scopri l’opportunità di aprire il tuo negozio di fotografia in franchising con numerosi brand affermati nel settore.

GUARDA LE NOSTRE PROPOSTE IN FRANCHISING:

stampagrafica24 franchising logo

StampaGrafica24

Sei titolare di un’attività ? Scegli la formula Corner StampaGrafica24. Incrementa afflusso di gente e fatturato con un minimo investimento.

Scegli la tua regione (ordine alfabetico)
Inserisci la città in cui vorresti aprire la tua attività

Visualizza Scheda Franchising
fotodigital logo

FotoDigitalDiscount

Leader nel settore stampa ed immagine. 9 negozi in 1

Scegli la tua regione (ordine alfabetico)
Inserisci la città in cui vorresti aprire la tua attività

Visualizza Scheda Franchising

Attualmente viviamo nell’era dell’immagine dove ogni singolo elemento del quotidiano viene catturato in uno scatto fotografico. Oggi grazie alle grandi catene è più semplice aprire nuovi negozi di fotografia in franchising in città o nei centri commerciali.

Per aprire un negozio di fotografia è consigliabile possedere una forte passione per il settore e restare sempre aggiornato su ciò che offre il mercato per offrire servizi esclusivi. I costi possono variare molto in base alla tipologia di negozio di fotografia che si vuol aprire, e per far fronte ad imprevisti si consiglia di conservare parte dell’investimento.

In un mondo dominato dalla tecnologia digitale, il sapore delle vecchie cose può ancora destare interesse, che non sia meramente basato sulla nostalgia. La fotografia è un mondo che mescola l’ambizione dell’arte con il passatempo e l’hobby.

Indubbiamente l’avvento del digitale ha segnato un passo importante per tutto il settore della fotografia e della stampa. Fino all’avvento degli telefonia smartphone, la diffusione delle macchine fotografiche reflex, in grado di scattare foto ad alta definizione era limitata agli appassionati e ai professionisti.

Le foto erano spesso scattate solo ed esclusivamente durante le occasioni speciali e solo gli appassionati se ne andavano in giro con la macchina fotografica a tracolla. Non esistendo il digitale, per la visualizzazione delle foto era necessario lo sviluppo su pellicola, che negli ultimi tempi, prima della diffusione del digitale per tutti, veniva consegnato nel giro di un’ora.

Chi pensasse però che l’avvento del digitale abbia sconvolto un intero settore, quello della stampa e del fotosviluppo, è in errore.

Infatti, se è vero che per vedere delle fotografie non è necessarie più svilupparle, dal momento che tutti quanti possediamo uno smartphone e delle memorie adatte a conservare le foto, è anche vero che il numero di persone che oggi scattano foto è aumentato così considerevolmente che praticamente è più semplice trovare chi non fa foto e non ha bisogno di memorie cloud o flash per archiviarle.

Ne deriva dunque che il settore della stampa digitale (che unisce fotografie, book, calendari, ma anche manifesti, espositori, brochure pubblicitarie) si è espanso fino a conquistare una nicchia molto importante che assorbe tanto la fotografia, quanto la pubblicità.

Sul mercato sono presenti diversi operatori del settore, che offrono la possibilità di aprire una nuova attività in franchising a chi vuole entrare nel mercato, in un settore che nell’era dell’immagine è sufficientemente robusto da attirare nuova clientela ed avere un futuro.

Iter burocratico per aprire un negozio di fotografia in franchising

Aprire un negozio di fotografia in Italia comporta una serie di passi burocratici che vanno seguiti con attenzione. Ecco un riassunto delle principali azioni da intraprendere:

  • Scelta della Forma Giuridica: Prima di tutto, devi decidere quale forma giuridica avrà la tua attività. Potrebbe essere un’impresa individuale, una società a responsabilità limitata (SRL), una società in nome collettivo (SNC), ecc. La scelta dipende da vari fattori come la dimensione dell’attività, il capitale iniziale e il livello di responsabilità che sei disposto a assumerti.
  • Apertura della Partita IVA: Dovrai richiedere l’apertura di una Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate. Questo ti permetterà di emettere fatture e di gestire la contabilità dell’attività.
  • Iscrizione alla Camera di Commercio: Dopo aver scelto la forma giuridica, dovrai iscriverti alla Camera di Commercio competente per zona.
  • Iscrizione all’INPS e all’INAIL: A seconda della forma giuridica scelta, dovrai iscriverti all’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) e all’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro).
  • Richiesta Licenze e Autorizzazioni: Se il tuo negozio offre servizi come la stampa fotografica, potresti aver bisogno di specifiche autorizzazioni comunali legate all’uso di prodotti chimici. Inoltre, se decidi di vendere anche prodotti alimentari come bevande o snack, avrai bisogno di una licenza specifica.
  • Registro delle Imprese: Devi registrare la tua attività presso il Registro delle Imprese competente per zona.
  • Bollino SIAE: Se nel tuo negozio viene trasmessa musica, dovrai pagare una tassa alla SIAE per i diritti d’autore.

Questi sono solo i passi fondamentali. A seconda delle specificità del tuo negozio e della zona in cui decidi di aprire, potrebbero esserci altre normative o requisiti locali da rispettare. Si consiglia sempre di consultare un commercialista o un esperto del settore per avere una panoramica dettagliata.

Quanto costa e quanto si guadagna con un negozio di fotografia e stampa?

Aprire un negozio di fotografia e stampa in Italia può variare notevolmente in termini di costi, a seconda delle dimensioni del negozio, della sua ubicazione e dei servizi offerti. Ecco un elenco approssimativo dei costi da prendere in considerazione:

  • Affitto del Locale: Questo è uno dei costi più rilevanti. Il prezzo dell’affitto può variare enormemente a seconda della zona in cui decidi di aprire il tuo negozio. In una grande città o in una zona di forte passaggio, l’affitto può essere molto elevato.
  • Ristrutturazione e Arredamento: Se il locale scelto necessita di lavori di ristrutturazione o di un particolare arredamento, questo può rappresentare una spesa importante.
  • Acquisto di Attrezzature: Macchine fotografiche, obiettivi, stampanti professionali, software di editing, ecc. rappresentano una spesa iniziale considerevole.
  • Licenze e Autorizzazioni: Come menzionato in precedenza, potresti aver bisogno di specifiche autorizzazioni, il cui costo può variare.
  • Gestione e Manutenzione: Costi di elettricità, acqua, riscaldamento, manutenzione delle attrezzature, ecc.
  • Assicurazione: Una buona polizza assicurativa per proteggere la tua attività e le attrezzature è essenziale.
  • Marketing e Pubblicità: La promozione del tuo negozio, soprattutto all’inizio, può rappresentare una spesa significativa.
  • Stipendi e Salari: Se hai intenzione di assumere personale, dovrai considerare anche gli stipendi e i contributi.
  • Costi Vari: Tasse, contributi, consulenza contabile, ecc.

Guadagni

Il guadagno di un negozio di fotografia dipende da vari fattori: ubicazione, servizi offerti, qualità delle attrezzature, competenza del personale, concorrenza nella zona e capacità di attrarre e fidelizzare la clientela.

Oltre alla vendita di attrezzature fotografiche, molti negozi di fotografia offrono servizi come la stampa di foto, corsi di fotografia, ritratti in studio, servizi fotografici per eventi, ecc. Questi servizi possono rappresentare una fonte significativa di guadagno.

Una stima approssimativa dei guadagni mensili di un negozio di fotografia ben avviato può variare dai 2.000 ai 10.000 euro o più, ma questo è solo un range indicativo.

Ma perché scegliere il franchising?

Quando ci si mette in proprio i rischi di impresa sono tutti a carico del neoimprenditore. In una condizione di mercato consolidato, entrare nel settore significa come minimo, prendersi una fetta di una torta che già appartiene ad altri.

Se il mercato è in espansione è ragionevole pensare che aprire un’attività in quel settore sia conveniente e non nuoccia al mercato in generale, ovverosia agli attori economici presenti.

Ad ogni buon conto chi è nuovo dovrà lottare strenuamente per trovare la propria clientela, crescere, imporsi, far capire che il proprio servizio è il migliore. E non bastano le leve commerciali come il prezzo, l’offerta a tempo, quello lancio, o un nuovo servizio in omaggio.

Spesso le condizioni economiche, nonostante siano fiorenti, vengono rese difficoltose dalla burocrazia, dall’incapacità di ottenere condizioni di prestito per far partire l’attività, da una legislazione locale troppo protezionista nei confronti di chi ha già un’attività.

In Italia, lo sappiamo bene, aprire una nuova attività e mettersi in proprio, anche quando si ha esperienza ed entusiasmo, non è affatto facile. Il franchising consente al nuovo operatore di affiliarsi a una rete di vendita in crescita o consolidata, ricevendo in cambio di un costo di ingresso, tuti i benefici connessi alla pubblicità, alla notorietà del marchio, all’utilizzo delle insegne e del materiale promozionale.

Il franchising comprende due parti distinte e separate, autonome dal punto di vista commerciale e fiscale, che in sostanza stabiliscono degli obblighi per ottenere un vantaggio reciproco.

L’affiliante o franchisor è il proprietario del marchio: il suo obiettivo è quella di espandersi in zone geografiche o quartieri non ancora battuti. Lo può fare senza ricorrere all’acquisto dei locali e senza dover aumentare il personale, costi che inevitabilmente ingolferebbero il processo di crescita per tanti anni.

Il franchisee o affiliato può invece entrare nel mercato avendo il vantaggio di poter esporre un marchio conosciuto. In questo caso non dovrà sostenere i soliti costi pubblicitari, e tutta la fase di lancio del prodotto o del servizio è accorciata in modo così robusto, che fin dal primo giorno può dirsi effettivamente sul mercato, con una clientela fedele al brand disposto a seguirlo.

Il franchising è dietro l’espansione di grandi catene di vendita, in tutti i settori (particolarmente abbigliamento, online, ristorazione e alimentare celiachia) a livello globale: il suo successo deriva dal fatto che minimizzano i costi per operazioni che inevitabilmente influenzano tutta la fase di sviluppo del business.

Non solo i costi sono ridotti, se si considera quanto si deve investire per farsi conoscere, ma le parti rimangono perfettamente autonome.

Tanto che la carriera all’interno di una catena di vendita in franchising, spesso permette a chi opera con successo di rilevare più punti di vendita, costruendo un piccolo impero di successo. Nel campo della fotografia e della stampa digitale in Italia si stanno affermando dei marchi, diffusi in tutte le città, che offrono una vasta gamma di servizi e prodotti in grado di accontentare una clientela vasta e dai molteplici interessi.

NEGOZIO DI FOTOGRAFIA IN FRANCHISING

La formula franchising offre numerosi vantaggi come:

  • L’assistenza da parte della casa madre.
  • La visibilità di un marchio affermato.
  • Si riducono imprevisti per il budget di apertura, il quale seppur potrà subire variazioni grazie all’esperienza del franchisor potranno essere preventivate tempestivamente.
  • Si possiedono ancor prima dell’apertura consumatori potenziali.
  • Si è imprenditori di sé stessi con un rischio ridotto.

Un negozio fotografia in franchising si occupa della stampa foto, stampa su qualsiasi tipo di supporto, vendita diretta apparecchi fotografici, accessori, ricambi e complementi per fotografia e immagine, rivendita cartucce per stampanti, vendita gadget, computer center, creazione di book, cataloghi, brochure, ed altro.

Grazie al rapporto con la casa madre, il franchisee può garantire al cliente la massima serietà e qualità con un proprio investimento minimo e soprattutto riesce a garantire prezzi finali assolutamente competitivi.