Come aprire un negozio in franchising di agricoltura biologica

franchising agricoltura biologica

Negli ultimi anni, forse per cura del corpo o perché è diventata una moda ormai, sono moltissime le persone che prediligono i prodotti biologici la salute del proprio organismo e non solo. Così, sempre più aziende scelgono di produrre e, quindi, di vendere prodotti prettamente biologici, in modo tale da offrire alla clientela garanzie di qualità per un benessere aggiunto.

La crisi economica, dunque, non è riuscita a fermare questo settore, tanto che l’acquisto del biologico riguarderebbe 7 italiani su 10. Da una ricerca condotta da Coldiretti pare che gli italiani, non rinuncino ai prodotti genuini e di elevata fattura.

Nutrirsi di prodotti biologici significa rinunciare a pesticidi, antibiotici, ormoni, conservanti e quant’altro. La certificazione biologica assicura che i prodotti sono stati coltivati in ambienti naturali, senza ricorrere all’utilizzo delle sostanze chimiche.

Come aprire un negozio in franchising di prodotti biologici?

Spesso, chi coltiva la passione per il settore biologico, è spaventato per l’investimento iniziale. Ma non c’è da aver paura! I costi che sopraggiungono non sono poi così alti, è chiaro che bisogna avere però, un minimo di accortezza.

Detto questo, ecco di seguito, alcuni utili consigli per aprire un negozio in franchising di prodotti biologici o intolleranti: la prima cosa che bisogna valutare è la scelta del locale. Inizialmente, consigliamo di optare per un locale non troppo grande, ma neanche troppo piccolo.
Fondamentale, poi, è la sua collocazione. Per poter avere successo si rivela di vitale importanza che il locale adibito alla vendita di prodotti biologici sia posizionato in un punto dove c’è un forte passaggio pedonale.

Si calcola che un negozio in franchising di prodotti biologici ben avviato e ben posizionato, in un luogo strategico, riesca a guadagnare fino a 1.500,00€. al giorno.

Un negozio biologico in franchising di piccole dimensioni, almeno inizialmente, potrà essere gestito anche dal solo titolare, così non avrà ulteriori costi da aggiungere per il pagamento del personale.

Per il buon avvio di un negozio biologico, grande importanza riveste la promozione. Tuttavia, se l’intenzione è quella di affiliarsi ad un franchising, allora la situazione, in questo caso, cambia, perché sarà l’azienda madre generalmente, ad avvalersi di tutto il necessario per pubblicizzare i prodotti a livello locale, regionale o nazionale.

Ma ecco i requisiti tecnici che occorrono:

  • apertura P. Iva e iscrizione alla Camera di Commercio
  • segnalazione al comune di appartenenza di avvio attività
  • verificare le certificazioni dei fornitori (nel caso di un franchising, questo punto non bisogna prenderlo in considerazione perché sarà la stessa azienda madre a esaminare dettagliatamente le certificazioni).

Affiliandosi ad un negozio in franchising di sicuro i benefici non mancheranno. Un esempio?

  • Supporto commerciale
  • formazione e aggiornamenti continui del personale
  • servizi di merchandising
  • fornitura degli arredi
  • supporto e consulenza tecnica
  • progettazione e realizzazione del layout espositivo
  • predisposizione di un piano economico finanziario
  • supporti informatici
  • supporto amministrativo e gestionale
  • supporto e consulenza tecnica

Aprire un negozio in franchising per prodotti biologici, significa diventare imprenditore autonomo e indipendente ed avviare un’attività utilizzando il nome, l’immagine, nonché la formula commerciale di un’azienda con consolidata esperienza e già nota sul mercato.

Guarda le proposte per aprire un negozio in franchising di agricoltura biologica.